Montecitorio, incontro per il futuro

Si è tenuto ieri a Roma, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, l’incontro con oggetto la presentazione del nuovo disegno di legge promosso dall’intergruppo parlamentare “Amici del termalismo” quale revisione alla Lg. 323/2000 e che vede come oggetto la riqualificazione del settore termale attraverso l’istituzione di un fondo di venti milioni di euro annui nel triennio 2017 – 2019.

Tra i presenti, sono intervenuti l’On. Edoardo Fanucci, coordinatore dell’intergruppo e primo firmatario del disegno di legge, l’On. Davide Faraone, Sottosegretario al Min. della Salute e il Dott. Costanzo Jannotti Pecci , Presidente di Federterme. Rappresentata anche la maggior parte del termalismo italiano con la presenza dei maggiori stabilimenti termali (Chianciano, Montecatini, Ischia, Abano) ma anche i sindaci dei Comuni, l’ Ancot (Associazione Nazionale Comuni Termali) e alcuni albergatori.

<E’ un passo decisivo nel rilancio del settore termale> dichiara l’On. Fanucci  <prodotto da mesi di lavoro e che ha visto coinvolti istituzioni, operatori del settore e realtà territoriali.  In Italia, il termalismo è una risorsa preziosa, a disposizione del Servizio sanitario nazionale. Le cure di questo tipo costituiscono uno strumento indispensabile per contrastare una pluralità di patologie cronico-corrosive ampiamente diffuse tra la popolazione, oltre a garantire la rigenerazione di un complessivo stato di benessere psicofisico per l’individuo>.

Qualche numero

In Italia, se traduciamo il termalismo in numeri, 20 sono le regioni e 170 i comuni che contano 378 stabilimenti termali con un totale di circa 60.000 addetti e un fatturato annuale di oltre 1,5 miliardi di euro se consideriamo anche l’indotto (alberghi, ristorazione e commercio).

Finalmente l’argomento termalismo torna ad essere discusso e messo in luce per l’importanza che ricopre nel nostro Paese, auspicando che ci sia più consapevolezza sull’importanza che questo settore ricopre nell’economia italiana e nel settore turismo. Nei prossimi articoli, gli aggiornamenti completi dell’incontro e la condivisione si alcuni documenti. Continuate a seguirci.

Print Friendly, PDF & Email
Similar Posts

Lascia un commento